Zonaflat - Budapest appartamento in affitto, appartamenti fitto Budapest, appartamenti economici a Budapest - Luoghi di interesse a Budapest

Luoghi di interesse - Budapest

Museo Nazionale

Il Museo Nazionale Ungherese, ubicato al centro di un bellissimo giardino, è uno dei più begli edifici classicheggianti di Budapest. Fu costruito tra il 1837 e il 1847 su progetto dell’architetto Mihaly Pollack.
Fondato nel 1802 dal Conte Ferenc Széchenyi, con le sue collezioni di manoscritti, stampe e monete, nel 2002, in occasione del bicentenario della costituzione del Museo, l’edificio è stato ristrutturato e ampliato.
All' ingresso si può ammirare un fine esempio di architettura neoclassica, con un portico eccezionale.
Otto colonne corinzie supportano un fregio con una cornice ornamentale e un largo frontone. Sul frontone è rappresentata la figura allegorica della Pannonia seduta con lo stemma ungherese delle armi sul suo scudo, cinta dall'altro lato dalle Scienze e dalle Arti. Uno dei pezzi più preziosi del Museo è il mantello d’incoronazione del primo re ungherese, tra i più antichi tessuti ricamati di tutta Europa. Al secondo piano si trova l’esposizione relativa alla storia dell’Ungheria, a partire dalla fondazione dello Stato (anno 1000).
Orari apertura: Martedì-domenica 10-18 (chiuso lunedì)

Ruszwurm (Coffeehouse)

La piccola coffehouse nel Distretto del Castello è il più antico Caffè della Capitale.
Dal 1820 ha ancora i suoi interni originali e per questo è uno dei pochi locali a Budapest dove è vietato fumare.

New York Kavehaz

E' l'opposto del Ruszwurm: vistosamente ornato, splendente, abbagliante.
Questo locale fu lesionato da un carro armato russo durante la rivolta del '56 e non è mai stato riparato.

Chiesa di San Matthias Mátyás templom

Un eclettico insieme di stili. Fu iniziata nel XII secolo.L'abside principale che finisce in forma esagonale, è in stile francese ed è la parte più antica. Un secolo dopo venne costruita la sezione centrale. Durante l'occupazione turca, tutti gli arredamenti furono rimossi e i dipinti ricoperti perchè inaccettabili dalla religione islamica.Tornata agli occidentali, fu ristrutturata in stile Barocco e le finestre a rosa furono murate.
Nello scorso secolo, fra il 1873 e il 1896, Frigyes Schulek fece una maggiore ristrutturazione della chiesa.
Egli aggiunse una colonna di cappelle sul lato nord, modificò la torre e aggiunse dipinti simili ai frammenti degli originali.
Per questo l'interno della chiesa appare oggi come una vivace rivisitazione dell'arte gotica in chiave Liberty, con motivi geometrici e floreali in diversi splendenti colori. Questa ristrutturazione è stata criticata da molti storici dell'arte. La maggior parte degli ungheresi però ama questa chiesa, ed è facile capire perchè. Al crepuscolo, con le candele accese e l'ultima debole luce che penetra dalle piccole finestre, l'interno della chiesa evoca sensazioni da focolare domestico.

Isola di Margherita

L’Isola di Margherita è unita alla città da due ponti: Árpád a nord, e Margherita a sud.
Un'area ricreativa di 2.5 km, con bagni termali all'aria aperta, campi sportivi, stage estivi, ristoranti, caffè, alberghi, le rovine del convento di Saint Margaret ( la figlia del Re Bela IV, Margherita andò a vivere in questo convento nel 1251 all'età di undici anni,più tardi venne canonizzata, e l'isola prese il suo nome)
I Bagni Palatini, nella parte verso Buda hanno tre piscine termali. Davanti ai bagni, un bellissimo giardino di rose, vicino un palcoscenico all'aperto per opera e balletti, e un cinema all'aperto. Alla fine dell'isola c'è il Grand Hotel e l'Hotel Termale che offre trattamenti medici.
E’ possibile affittare una bicicletta per 650 HUF per girare l’isola.

Ponte Elisabetta (Erzsébet híd)

Il Ponte Elisabetta o Erzsebet hid prende il nome dall’Imperatrice Sissi.
Il suo omonimo predecessore fu inaugurato nel 1903 e, fino al 1926, era il ponte più grande ad una sola arcata (senza pilastri intermedi) d'Europa. Quello che vediamo oggi non è il ponte originale Nel gennaio del 1945 i tedeschi lo fecero saltare in aria. E' l'unico ponte di Budapest che - per motivi di traffico, economici e tecnici - non è stato ricostruito nella forma originale: l'architravatura è rimasta immutata, lo spaccato è invece cambiato.

Ponte delle catene

Il primo ponte stabile sul Danubio, uno dei simboli della capitale ungherese, venne costruito su iniziativa del Conte Istvan Szechenyi, dal 1839 al 1849 (il nome del ponte è infatti Szechenyi lanchid).
I progetti furono elaborati dall'inglese William Tierney Clark, mentre l'esecuzione fu affidata ad Adam Clark. Il primo carro che attraversò il ponte in fase di costruzione, durante la lotta d'indipendenza, portava la corona ungherese da Buda, già allora assediata, a Debrecen. Le truppe austriache cercarono poi di farlo saltare in aria, ma ciò venne impedito da Adam Clark, che allargò le camere-catene riempendole di materiale esplosivo. Durante la II Guerra Mondiale i tedeschi lo fecero saltare in aria e, dopo la ricostruzione, venne aperto al traffico il 20 novembre 1949, cento anni dopo la prima consegna al pubblico.

Museo delle Belle Arti (Szépmûvészeti Múzeum)

Il Museo delle Belle Arti costituisce una delle tappe di visita di maggior rilievo. Ha una incredibile collezione di manufatti Europei dalla Grecia ai Romani fino ai tempi nostri.
Le collezioni (provengono tuttavia in buona parte dallo storico Museo Nazionale Ungherese, fondato nel 1802, divenuto poi Pinacoteca Nazionale, e arricchito nel corso del secolo da numerosi lasciti e acquisizioni, come quella dell'importantissima collezione Esterhazy (1870-71).
Orario di apertura : Martedì-domenica 10-17.30 (chiuso il lunedì)

La metropolitana

La metropolitana di Budapest è la più antica del continente dopo Londra. La linea gialla talvolta usa ancora delle vecchie carrozze molto caratteristiche. Chiamata anche la metropolitana del millennio perchè fu costruita per celebrare i mille anni della nazione ungherese nel 1896.
La linea gialla si distingue notevolmente dallo stile sovietico delle altre due.

Gellért Hotel e Bagni

Aperto 6-19 tutti i giorni
Con il suo sfarzoso stile liberty, è il bagno termale più elegante della capitale.
Funziona sia come piscina con spiaggia sia come bagno termale. L'edificio in stile liberty ha conservato fino ad ora il suo splendore e la sua eleganza. Accanto al bagno termale fanno parte del Gellert una piscina aperta ad onde artificiali, circondata da un bel parco e da una terrazza, e la piscina coperta di acqua gasata con tetto apribile, stupenda anche sotto l'aspetto architettonico.

Bastione dei pescatori Halászbástya

il Bastione dei pescatori apre un altro panorama stupendo sul Danubio e su Pest. Pagando E' una larga torre bianca costruita dal 1890 al 1905 al posto del medioevale mercato del pesce
Il panorama di Buda con il Bastione dei Pescatori è stato inserito dall'UNESCO, nel 1988, nella lista del Patrimonio Mondiale.
Sotto il Bastione dei Pescatori è stata aperta al pubblico, nel 1997, la cripta della cappella di San Michele che venne citata in un documento scritto per la prima volta nel 1443.

Parlamento

Il Parlamento ungherese è uno dei più imponenti edifici della città Si ispira al Parlamento inglese.
E' uno dei più grandi edifici parlamentari del mondo, costruito fra il 1885 e il 1904 in stile eclettico o neogotico
Si trova sulla riva del Danubio ed è costituito da 691 stanze, 20Km di corridoi, una cupola di 96 metri con due torri ai lati tutte decorate da merletti di pietra, finestre a mosaici e 88 statue esterne

Collina del Castello

E’ da secoli uno dei luoghi strategici e culturali più importanti della città. La collocazione fu decisa nel XIII secolo dopo che un terribile attacco Mongolo spinse i cittadini a cercare un posto migliore per difendersi. Un posto famoso per gli studenti è la statua del Generale Ussaro András Hadik.
Il Generale è dietro il cavallo stringendone i testicoli. Gli studenti hanno per anni lucidato i testicoli del cavallo il giorno di esami difficili perchè si dice porti fortuna.

Palazzo Reale di Buda (Budai Királyi Palota)

La maggiore attrazione della Collina del Castello è naturalmente il Palazzo Reale.
Il Palazzo originario in stile gotico fu distrutto durante la liberazione di Buda dai Turchi nel 1686.
Il notevole ampliamento, avviato nel 1749, venne terminato nel 1790, ma furono sempre in corso piccole trasformazioni e ingrandimenti. Oggi ospita il Museo storico di Budapest, la Galleria Nazionale e la Biblioteca Nazionale Széchenyi. A settembre vi si tiene il Festival Internazionale del vino e dello spumante, l’evento enologico più importante.

Museo Etnografico (Néprajzi Múzeum)

Museo nazionale di arte popolare la cui entrata costa 700 HUF per le collezioni permanenti. L'ingresso è grandioso, ricco di oggetti storici Ungheresi

Grande Sinagoga e il Museo ebraico

Questa sinagoga è unica sia per le sue misure, e le sue due cupole alte 43 mt. Le cupole hanno una forma caratteristica tipica delle chiese cattoliche.

St. Stephen (István) Cathedral

La Basilica è dedicata a Santo Stefano, o Szent Istvan, il primo re cristiano ungherese. Disegnata da Miklós Ybl and Jószef Hild, e costruita dal 1851 al 1905, è alta quanto il Parlamento.
La recente ristrutturazione terminata nel 2003 ha valorizzato anche la piazza antistante, dove si tengono suggestivi concerti estivi.

Viale Andrassy (Andrássy út)

Il Viale Andrassy, che parte dalla centralissima piazza Deak e arriva fino a Piazza degli Eroi, è frutto di un piano urbanistico dell'Ottocento. Il tratto della via più vicino al centro è caratterizzato da palazzi eclettici in stile neorinascimentale a 3-4 piani Tra gli edifici più imponenti della via sono da ricordare il Teatro dell'Opera, il Palazzo Drechsler e l'Accademia della Musica. Sotto Via Andrassy corre la Metropolitana 1, prima metropolitana del continente, inaugurata nel 1896 e oggi riportata ai colori del suo arredo originario grazie a recenti lavori di restauro.
In Andrassy utca 60 con 1500 HUF si può visitare la Casa del Terrore, esposizione permanente su tre piani del regime Comunista .

Piazza degli Eroi (Hősök tere)

La Hosok tere, il più grande piazzale d'onore della capitale, chiude l'imponente Andrassy ut, mentre alle sue spalle inizia il Parco Civico. La piazza racchiude, formando un magnifico insieme, due palazzi e un monumento. :il monumento degliEroi della nazione (la tomba del Milite Ignoto).